SILENZI URBANI

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom

Mi specchio nei tuoi sorrisi, 
ti riconosci nelle mie parole.

Mi lavo con le tue lacrime,
ti asciughi con il mio cuore.

Mi nutro della tua linfa,
ti disseti dalle mie labbra.

Siamo due,
ma siamo un unico essere,
che non può essere diviso,
perché ne morirebbe.

Simbiosi

Antonella F.

Due insegnanti,fratello e sorella, un legame molto forte, una vita in simbiosi.

Quando, per motivi lavorativi, avrebbero dovuto separarsi decisero invece di abbandonare lavoro e comodità per dedicarsi completamente l'uno all'altra ed alla loro passione per l'arte.

In paese li ricordano ancora; sono “dipinti” come persone colte e stravaganti. Di lui ricordano l'immagine di un uomo sulla bicicletta, vestito con i capi di abbigliamento cuciti o realizzati a maglia dalla sorella; andava a comperare quello che loro non potevano produrre o per farsi aggiustare degli attrezzi.

Nel cimitero del paese la tomba di famiglia è inconfondibile, rispecchia “l'architettura” della casa, adorna di statue e disegni.