SILENZI URBANI

Costruita negli anni '60 dalle Acli dava la possibilità, ai giovani lavoratori vicentini, di trascorrere qualche giorno di vacanza in montagna e riusciva ad ospitare circa un centinaio di persone. Verso la fine degli anni '70 la gestione passò al Movimento cristiano lavoratori che gestì la casa fino alla fine degli anni '90. Da allora la proprietà della casa è passata ad una Fondazione vicentina, che nel 2011 ha intrapreso un processo di ristrutturazione. Ristrutturazione che, iniziata dal sottotetto, si è poi interrotta.

_LUP2288
_LUP2288
press to zoom
_LUP2287
_LUP2287
press to zoom
_LUP2265
_LUP2265
press to zoom
_LUP2268
_LUP2268
press to zoom
_LUP2262
_LUP2262
press to zoom
_LUP2263
_LUP2263
press to zoom
_LUP2258
_LUP2258
press to zoom
_LUP2259
_LUP2259
press to zoom
_LUP2249
_LUP2249
press to zoom

Il sole si fece sempre più basso

E arrivò il freddo

La luna si rabbuiò

E si nascose dietro le nuvole

Arrivò un freddo feroce

L'acqua si raggelò

I fiumi si congelarono e così anche la terra

Era giunto il tempo di viaggiare

E tornare in terre più calde,

Ma i suoi piccoli cigni erano troppo giovani

Tentarono disperatamente di volare

Con le loro piume non del tutto cresciute

Lei mise i suoi piccoli

Sotto le ali

Per salvarli dal gelo

Sacrificò la sua vita e lasciò questo mondo

La leggenda di madre cigno

The Hu