SILENZI URBANI

E’ nato come sanatorio e nel dopoguerra divenne un centro di accoglienza per i pazienti provenienti dalla sede del manicomio di Verona. Quest’ultima pesantemente danneggiata dalle truppe tedesche.

A guerra finita, il manicomio, venne destinato alla cura di varie malattie, non solo mentali, come ad esempio la TBC. Negli anni ’70 diventa un ospedale neuro-psichiatrico.A metà degli anni ’90 venne riorganizzato e vedrà la chiusura di alcuni padiglioni e la ridistribuzione dei pazienti rimasti in diverse case protette le quali sono tutt’ora operative.

.
.
press to zoom
.
.
press to zoom
.
.
press to zoom
.
.
press to zoom
.
.
press to zoom
.
.
press to zoom
.
.
press to zoom
.
.
press to zoom
.
.
press to zoom