SILENZI URBANI

Abbandonato dal 2000, era costato due milioni e mezzo di euro, dal momento della progettazione nel 1988. Voluto dall’allora ministro Giuliano Vassalli doveva essere un istituto destinato a detenuti per reati minori: 32 celle per 60 persone circa, più mensa, ambulatorio, parlatorio.

La parte comune per la direzione e le guardie era quasi finita, ma poi è arrivato un primo stop dei lavori alla fine degli anni Novanta. Le motivazioni dell’arresto dei lavori è legata alla mancanza di fondi e all’attenuazione del regime penale vista l’introduzione delle pene alternative.

Passa al Comune, che intanto, a causa della legge di stabilità non può più effettuare investimenti. Per riutilizzarlo servirebbero 2 milioni e mezzo di euro, per demolirlo altrettanto che nelle casse non ci sono. I privati che hanno provato a più riprese ad affrontare la scommessa ci hanno rinunciato.

2
2
press to zoom
3
3
press to zoom
1
1
press to zoom
4
4
press to zoom
7
7
press to zoom
9
9
press to zoom
8
8
press to zoom
5
5
press to zoom
10
10
press to zoom

Se tutto questo è stato fatto o creato da qualcuno, è comunque, diciamolo francamente, un orribile sperpero.


Karel Capek