SILENZI URBANI

Il titolo del giornale “Popolo Trentino” del 10 dicembre 1946:

«Spaventoso eccidio di due famiglie – un gruppo di malviventi uccide cinque persone a colpi di mitra»

Come teatro delle due stragi , l’albergo “Miramonti” dei Garollo (nelle foto) e la pensione “Avvenire” della famiglia Avancini.

Nella pensione “Avvenire” vengono trovati morti Giulia Avancini e i suoi due figli; Narciso e Sergio. Al “Miramonti” Adolfo Garollo e la moglie Antonietta, si salvano la figlia Adelina, anche se ferita, e il figlio Aldo.

Aldo Garollo verrà, qualche giorno dopo accusato per i 5 omicidi e condannato all’ergastolo.

Ottenne la grazia “per buona condotta” dal presidente della Repubblica, lasciò il carcere il 30 dicembre 1975 e tornò in Trentino nel 1978.

Aldo Garollo morì a 72 anni, il 18 febbraio 1998

1
1
press to zoom
2
2
press to zoom
3
3
press to zoom
4
4
press to zoom
5
5
press to zoom
6
6
press to zoom
7
7
press to zoom
8
8
press to zoom
9
9
press to zoom

E poi arrivò la guerra...

che tutti i sogni porta via
la guerra in ogni lettera...

in ogni fotografia
E poi arrivò la guerra...

che tutti i sogni porta via
la guerra quella vera

quella senza ironia

Lo Zio Fantastico - Bennato