SILENZI URBANI

Scavato nella roccia del Monte Vicino, in una ex miniera, a circa 300 metri di altezza, precisamente in località Slavino in via Carrara numero 5, il bunker fu progettato, come quello di West Star di Affi, tra il 1958 e il 1960, costruito tra il 1960 e il 1966, anno dell'inaugurazione operativa, rimase in funzione fino al 2000 quando fu dismesso da parte del Comando NATO di Verona.

Mantenuto in prontezza operativa 24 ore su 24 anche in tempo di pace, era presidiato dal Gruppo misto telecomunicazioni di sostegno con il comando a Verona presso la caserma A. Li Gobbi.

Fungeva da posto comando-controllo di riserva per l'organizzazione e la direzione delle esercitazioni NATO nello scacchiere nord occidentale italiano nel caso il sito principale di Affi fosse stato reso inefficiente nel corso di un ipotetico conflitto con il patto di Varsavia.

_LUP0516
_LUP0516
press to zoom
_LUP0408
_LUP0408
press to zoom
_LUP0457
_LUP0457
press to zoom
_LUP0399
_LUP0399
press to zoom
_LUP0349
_LUP0349
press to zoom
_LUP0368
_LUP0368
press to zoom
_LUP0363
_LUP0363
press to zoom
_LUP0337
_LUP0337
press to zoom
_LUP0312
_LUP0312
press to zoom

Gli Stati che aderiscono al presente Trattato riaffermano la loro fede negli scopi e nei principi dello Statuto delle Nazioni Unite e il loro desiderio di vivere in pace con tutti i popoli e con tutti i governi. Si dicono determinati a salvaguardare la libertà dei loro popoli, il loro comune retaggio e la loro civiltà, fondati sui principi della democrazia, sulle libertà individuali e sulla preminenza del diritto. Aspirano a promuovere il benessere e la stabilità nella regione dell'Atlantico settentrionale. Sono decisi a unire i loro sforzi in una difesa collettiva e per la salvaguardia della pace e della sicurezza.