SILENZI URBANI

DI QUI NON SI PASSA! 6° Battaglione alpini Bassano.

Il giugno 1951 sancisce finalmente la ricostituzione del "Bassano"; l’unità si articola nelle tre storiche compagnie fucilieri (62ª "La valanga", 63ª "La furiosa" e 74ª “La travolgente”) e nella 129ª compagnia mortai "La sconvolgente nobile", oltre ovviamente alla compagnia Comando e Servizi.

Unitamente ai Battaglioni “Bolzano” (nappina bianca) e “Trento” (nappina rossa) compone il 6° Reggimento e per decenni provvede al reclutamento ed addestramento di migliaia di giovani alpini di leva provenienti dal Veneto e dal Trentino Alto Adige. 
 

Il 30 settembre 1975, in seguito allo scioglimento del 6° Reggimento Alpini, il Battaglione "Bassano" riceve in consegna la gloriosa bandiera di guerra del Reparto e passa alle dirette dipendenze della Brigata Alpina "Tridentina".

Dal gennaio 1993, con la ricostituzione del Reggimenti Alpini, il “Bassano”  compone il rinato 6° Alpini che, dal marzo 2002 a seguito allo scioglimento della Brigata “Tridentina”, è alle dirette dipendenze del Comando Truppe Alpine.

Dalle sedi di Brunico, Dobbiaco e San Candido il rinnovato 6° Reggimento Alpini gestisce il Polo Addestrativo dell’Alta Val Pusteria, un complesso mirato allo sviluppo delle attività di specialità, in ambiente estivo ed invernale, del combattimento in montagna e delle Peace Support Operations in ambienti particolari, a favore dell’intera forza armata a supporto di reparti destinati all’impiego operativo fuori area. Il Battaglione “Bassano” è ora composto dalle storiche compagnie: 62ª cp. fucilieri e 129ª cp. istruttori di stanza a Brunico, 63ª cp. alpieri e 74ª cp. istruttori di stanza a San Candido.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom

Su le nude rocce, sui perenni ghiacciai,
su ogni balza delle Alpi

ove la provvidenza
ci ha posto a baluardo fedele delle nostre contrade, noi, purificati dal dovere pericolosamente compiuto,
eleviamo l'animo a Te, o Signore, che proteggi le nostre mamme, le nostre spose, i nostri figli e fratelli lontani, e
ci aiuti ad essere degni delle glorie
dei nostri avi.
Dio onnipotente, che governi tutti gli elementi, salva noi, armati come siamo di fede e di amore.
Salvaci dal gelo implacabile, dai vortici della tormenta, dall'impeto della valanga, fa che il nostro piede posi sicuro sulle creste vertiginose, su le diritte pareti, oltre i crepacci insidiosi,
rendi forti le nostre armi contro chiunque minacci la nostra Patria, la nostra Bandiera, la nostra millenaria civiltà cristiana.
E Tu, Madre di Dio, candida più della neve, Tu che hai conosciuto e raccolto
ogni sofferenza e ogni sacrificio di tutti gli Alpini caduti, tu che conosci e raccogli ogni anelito e ogni speranza
di tutti gli Alpini vivi ed in armi.
Tu benedici e sorridi

ai nostri Battaglioni e ai nostri Gruppi.


Così sia.